Per una biografia | 2

Biografia - indietro

3. Maestro

Purtroppo il 12 maggio 1825 Padre Mattei si spense e Borgatta divenne allievo di Giuseppe Pilotti (1784-1838), sotto la cui guida Emmanuele fu promosso Maestro, prima del previsto, e successivamente eletto Accademico Filarmonico. Pian piano la fama del musicista ovadese iniziava a crescere sempre più sia in ambito aristocratico, dove era solito tenere concerti privati, sia presso il popolo che accorreva nelle chiese per ascoltarlo suonare l’organo durante le funzioni.

Nella stampa, Emmanuele Borgatta (il primo in piedi da sinistra) è insieme ad altri esponenti della musica ottocentesca: si riconoscono F. Chopin (al centro, il terzo da sinistra in piedi) e F. Listz (il terzo da sinistra seduto).

Conclusi gli studi, nell’estate del 1826 Borgatta si stabilisce a Genova, dove rimarrà per tre anni, partecipando alla vita salottiera, esibendosi in accademie private e pubbliche e venendo a contatto con personaggi illustri del panorama culturale e musicale genovese. Risale a questi anni la composizione del sacro intrattenimento La Morte di Sansone, diretto dallo stesso Borgatta presso l’Oratorio di San Filippo alla presenza dei reali di Sardegna.

4. Londra

Nel 1829 il giovane Borgatta, accompagnato dal padre, si trasferì a Londra, centro assai prestigioso e meta ambita dei più stimati compositori. Ivi riuscì ad avvicinare Philip Potter (1792-1871), pianista e compositore membro della Royal Academy of Music di Londra. Non fu difficile per Borgatta ottenere in breve tempo i più vivi consensi della buona società londinese, dando prova del suo talento improvvisando al pianoforte fantasie costellate di passaggi virtuosistici e leggendo a prima vista brani di notevole difficoltà tecnica.  Grazie a Potter, Borgatta potè conoscere personalmente i due virtuosi Johann Baptist Cramer (1771-1858) e Ignaz Moscheles (1794-1870) e il flautista Louis Drouet (1792-1873).

Biografia - avanti

 

ulteriore documentazione

La ricerca su Emmanuele Borgatta è in pieno svolgimento, e molto deve essere ancora scoperto: invitiamo chiunque fosse in possesso di documentazione riconducibile all'autore a contattarci attraverso l'apposito modulo di questo sito.

 

bando di ricerca

Una ricompensa di 1.000,00 euro per chiunque fornisca notizie utili sulla partitura della "Francesca da Rimini".
Tutte le informazioni e le modalità di contatto nella pagina relativa al Bando di ricerca.